Non vi è nulla di più fugace che il cibo ... ma nella memoria il suo ricordo rimarrà immortale ...


martedì 21 febbraio 2012

PROSSIMO APPUNTAMENTO: I DOLCI NATURALI AL CUCCHIAIO

"Il solo mezzo per liberarsi della tentazione è cederle"
Caro e saggio Oscar Wilde .... sincero e rispettoso amante dei piaceri della vita ....
Ecco come possiamo definire questo corso di cucina naturale completamente dedicato a dolci consistenze vellutate, cremose, coccolatrici e consolatrici ....
Inutile resistere ..... non vi resta che cedere :)
Vi aspetto  
lunedì 5 marzo 2012 alle ore 19,30
presso la Scuola di cucina "Quaderni e Fornelli" di Iper Portello
viale Certosa ang. p.le Accursio

dove assieme ad altri "buongustai" della vita preparerete 

 



La pera al forno con farcia alle noci e crema inglese vegan














Un Budino di cocco con mousse di tofu al cioccolato ...







... e quello di  miglio con coulisse di lamponi e mandorle pralinate
  

 

... poi  i Tartufi al cioccolato





senza dimenticarsi di un fresco 
Aspic di mela ai frutti di bosco e salsa alla menta





... e, in chiusura, del Pudding tiepido di mele e frutta secca alla cannella e arancia











Tutti i dessert saranno preparati senza l'utilizzo di prodotti di origine animale (vegan) e dolcificati con malto di riso.
Per info e iscrizioni
quaderni e fornelli

NB: E' compreso nel costo del corso anche un delizioso ed equilibrato piatto unico per cenare assieme. 

9 commenti:

  1. Leggo ammaliata, peccato per la distanza....... :(
    Buona giornata,
    Sissa

    RispondiElimina
  2. peccato davvero :)
    Buona giornata !

    RispondiElimina
  3. Fantastico! Da leccarsi baffi e dita ;-))).
    Non vedo l'ora!
    Carolina

    RispondiElimina
  4. Ciao Ramona,
    ..una piccola domanda, se puoi rispondermi.
    Trovo contemplata, in alcuni dolci veg, la farina di carrubba tra gli ingredienti. Che funzione ha? ..E soprattutto, con che cosa può essere sostituita?
    Grazie e notte,
    Sissa

    RispondiElimina
  5. Ciao Sissa, la farina di carrube è una farina ricavata dalla polpa essiccata del loro bacello (è un legume).
    Ha un sapore dolce e che richiama un po' il cacao anche nel colore. Viene appunto utilizzato al suo posto. Sostituiscila pure con quello, tenendo presente che il cacao (se non zuccherato) è amaro.
    La farina di semi di carrube, invece, è un addensante e viene usato soprattutto nella produzione di gelati perchè fa un po' da stabilizzante.
    Buonanotte :)

    RispondiElimina
  6. Buondì Ramona,
    grazie della risposta e dei lumi, ma ho ancora una perplessità..
    Mi chiedevo se, non volendo utilizzare il cacao nell'impasto, sia possibile, per esempio, sostituirla con la farina di fecola...
    Buona giornata :)
    Sissa

    RispondiElimina
  7. Normalmente viene utilizzata proprio come sostituto del cacao. Ovviamente, se non si vuole una ricetta con questi ingredienti, devi sostituirne le dosi con altro tipo di farina e/o amido ... la scelta dipende dal peso di carruba che prevede la ricetta, nel senso che se utilizzi le uova, l'amido o la fecola anche in abbondanza vanno bene rendendo la consistenza del dolce ottima (tipo pasta margherita), se invece non utilizzi le uova, l'eccesso di amido o fecola ti asciuga troppo il dolce rendendolo anche molto molto friabile: in questo caso necessita utilizzare stampini monodose per evitare di avere una torta eccessivamente sbriciolosa :)
    buona giornata

    RispondiElimina
  8. Grazie mille della spiegazione!
    Ora capisco perchè un dolce veg mi è risultato buono ma sbricioloso avendo sostituito a farina di carrube con la fecola. Quindi, in questo casi, mi pare di aver capito che sia preferibile sostituirla con la farina anzichè con la fecola, come ho fatto io.
    Comunque, oggi sono andata a cercarla questa farina. Per ora ho trovato quella di semi e non l'ho comperata.
    Un abbraccio e grazie dell'attenzione :)
    Sissa

    RispondiElimina
  9. l'importante è che non sia tutta fecola o si asciuga troppo :)
    buona serata !!

    RispondiElimina