Non vi è nulla di più fugace che il cibo ... ma nella memoria il suo ricordo rimarrà immortale ...


mercoledì 16 gennaio 2013

A COME AZUKI

Difficile pensare alla preziosità di un alimento così semplice e umile.
Gli azuki rossi sono tra i legumi più importanti da inserire nell'alimentazione macrobiotica.
Ricchi di ferro e di folati sono utili in caso di carenze, con una percentuale di zuccheri limitata risultano ottimi per non influire eccessivamente sulla glicemia ma rimangono estremamente nutrienti grazie alla percentuale di proteine e di vitamine B;  ricchi anche di oligoelementi sono paragonabili a veri e propri enzimi, brodi e decotti diventano indispensabili come aiuto nella stitichezza e il consumo regolare di questi piccoli fagioli rossi, rafforza i reni e contribuisce a combattere problemi legati alla pelle e infezioni alla vescica .... altra chicca: asciugano il muco .... è sufficiente per diventare abitudinari consumatori di azuki?
In oriente è un legume tenuto in grande considerazione anche per il suo colore: 
il rosso è il colore della felicità, quindi, della festa.
per questo motivo sono un ingrediente sempre presente nelle grandi occasioni quali compleanno, laurea e ultimo dell'anno.
Uno dei piatti più cucinati con gli azuki e che rimane legato anche alle tradizionali Festività di Shinto è proprio  riso integrale con azuki e Gomasio di sesamo nero (Osekihan), chiamato anche riso rosso ...... mi perdoneranno per l'uso del Gomasio bianco ? ;)

RISO INTEGRALE E AZUKI CON GOMASIO 

1 e 1/2 T di riso integrale riscicquato e scolato
1/2 T di azuki ammollati per una notte in acqua fredda e scolati
3 e 3/4 di T di acqua 
1/4 c di sale fino marino
2 cm. di alga kombu
gomasio di sesamo nero
pentola a pressione

  1. Versare nella pentola a pressione il riso e gli azuki, l'acqua,  il sale e la kombu.
  2. Chiudere la pentola, portare a pressione sistemando tra pentola e fiamma una retina spargifiamma, poi abbassare al minimo e cuocere per 50 minuti.
  3. Lasciare riposare 10 minuti, aprire la pentola dopo aver sfiatato tutto il vapore, mescolare con una spatola di legno e servire in ciotole individuali cospargendo generosamente con il gomasio
  4. Il piatto deve risultare asciugato dai liquidi ma morbido; è saziante, privo di grassi aggiunti e più buono quanto più saranno cotti i fagioli, che diventeranno dolci e dal sapore simile alle castagne.  

11 commenti:

  1. Io ho sempre paura di cucinare il riso con la pentola a pressione, temo che mi si attacchi tutto al fondo o che mi si bruci... La retina spargifiamma é proprio indispensabile per la cottura con questa pentola ? Io non ce l'ho, quindi uso la pentola - senza retina - per cucinare verdure, minestrone, legumi.
    Ah, ho messo qui le foto dei "miei" piatti di Natale: http://lacucinavegana.blogspot.it/2013/01/bretzel.html .
    Buona serata,
    Ele.

    RispondiElimina
  2. ram ti sei dimenticata l' acqua?

    gio

    RispondiElimina
  3. Ciao Gio', grazie mille ... aggiunta effettuata ;)
    Ciao Ele, la cosa importante è che, una volta abbassata, la fiamma sia davvero al minimo (eventualmente usa la più piccola) e che la pentola dove si cuociono i cereali sia, comunque, sempre con un fondo ben pesante.
    Mi fa piacere davvero sapere che hai avuto un gran successo a Natale ... ma non ne avevamo dubbio no ?
    baci

    RispondiElimina
  4. Grazie Ramona per il suggerimento della cottura del riso con la pentola a pressione, ci proverò...
    Ma poi di tutti gli allievi del corso sono stata l'unica che ha ripetuto le tue fantastiche ricette a Natale e che te lo ha fatto sapere ?
    Un bacione,
    Ele.

    RispondiElimina
  5. Ci sono stati altri ma senza foto .... :o
    Baciiiii

    RispondiElimina
  6. Ehm.... Adesso c'è sia alga che kombu. :) ma 50 minuti non sono troppi? Gio

    RispondiElimina
  7. aaaahhhh ma come ho fatto a dubitare di te. si, sono perfetti. e il piatto è buonissimo. le dosi sono per quattro ma lo abbiamo fatto fuori in due. ..... ne voglio ancora :D

    RispondiElimina
  8. Se dimezzo le dosi devo dimezzare anche i tempi di cottura?

    RispondiElimina
  9. no, restano sempre quelli ;)

    RispondiElimina